HYCON_CAMPAIGN_011A.jpg

PAST AND FUTURE

HYCON STORY

Hycon is an Italian lifestyle adventure brand that blends a vintage soul with a comfortable e-bike folding. Created to face the city in every situation, Hycon mounts 24 inch wheels with a super compact fold.

Hycon is a young project that combines a passion for design and cycling. We felt the need to work on a folding bike with normal-sized wheels since the market only offered folding bikes with small wheels. The idea was to ride long distances on a 'standard' size bike with a comfortable setting. At the same time, we needed to carry the bike with us at all times, to avoid leaving it unattended for many hours, imagining our Hycon as a design object to be cherished. 

Our research focuses on the possibility of combining the comfortable settings of an ordinary bicycle with a folding system, which can not only compress the bike into a small size but also make the wheels in a parallel position to make the bicycle roll like a suitcase.
Moreover, we wanted to avoid the back-breaking movements needed to close ordinary folding bikes, giving everyone the possibility to unfold and fold the bike by sliding it safely on the wheels.


The frame resulting from this research generates a comfortable and nimble bike agile in the city center.

Our project aims at the urban commuter who needs to travel a few kilometers by bike, load it onto a tram or train quickly, take it to the office, into the lift, and store it under the desk. 

 

We are proud that our frames are entirely built with advanced methods, but with the same logic as the old welded tube frames, that have made great the "frameteller" tradition worldwide.

The combination of tradition and innovation, materials and technology, past and future, makes Hycon a timeless object. The word "Hycon" stands for Hybrid Concept. A concept that encompasses in a single object different ways of experiencing urban mobility, whether it is electric or not.

Hycon è un marchio italiano che riflette uno stile di vita audace e dinamico unendo un'anima vintage con una comoda e-bike pieghevole. Creato per affrontare la città in ogni situazione, Hycon monta ruote da 24 pollici con una piega super compatta.

Hycon è un progetto giovane che unisce la passione per il design e per la bicicletta. Sentivamo la necessità di lavorare su una bici pieghevole con ruote dalle dimensioni normali dato che il mercato offriva solo bici pieghevoli con piccole ruote. L’idea era quella di poter pedalare anche per lunghe distanze su una bici di dimensioni “standard” con un’impostazione comoda. Al tempo stesso avevamo bisogno di portare sempre con noi la bici, per evitare di lasciarla molte ore in zone incustodite immaginando la nostra Hycon come un oggetto di design da tenere con cura.

 

La nostra ricerca si è concentrata sulla possibilità di coniugare l’impostazione comoda delle normali bici con un sistema di piega che non solo compattasse la bici in pochissimo spazio, ma che permettesse inoltre di avere le ruote parallele in modo tale da poterla far scorrere come un trolley. Volevamo evitare nella fase di piega quei movimenti scomodi per la schiena necessari per chiudere le normali folding bike, dando la possibilità a tutti di aprire e chiudere la bici facendola scorrere sulle ruote in tutta sicurezza. 

Il telaio scaturito da questa ricerca ha prodotto una bici comoda e scattante, agile nel centro città. Il nostro progetto è rivolto al pendolare urbano che ha necessità di percorrere qualche chilometro in bici, caricarla sui mezzi di trasporto in modo veloce, portarla in ufficio, in ascensore e poi riporla sotto la scrivania. 


Siamo orgogliosi del fatto che il nostro telaio è interamente costruito  con metodi avanzati ma con la stessa logica dei vecchi telai a tubi saldati che hanno fatto grande la tradizione dei “frameteller” nel mondo. È il connubio fra tradizione e innovazione, fra materiali e tecnologie, fra passato e futuro che rende Hycon un oggetto senza tempo. Hycon e l’acronimo di Hybrid Concept, un concetto che racchiude in un unico oggetto diverse maniere di vivere la mobilità urbana che sia elettrica o muscolare.